Troppo stress per studiare? Corri ad allenarti!

Troppo stress per studiare? Corri ad allenarti!


Durante la scuola superiore molti promettenti giovani atleti abbandonano lo sport per paura di non riuscire a conciliarlo con lo studio. Ma l’attività sportiva non è solo un impegno che “sottrae” tempo ed energia allo studio: studi recenti dimostrano che fare attività fisica diminuisce lo stress scolastico e aiuta gli studenti a sviluppare abilità che permettono di migliorare il rendimento.

1. Migliora l’umore

Quando abbiamo concluso un’intensa partita di pallavolo o una corsa al parco, di solito ci sentiamo fisicamente stanchi e affaticati, ma con il morale altissimo! Perchè dopo aver fatto sport ci si sente più felici?

La spiegazione scientifica sta nella diminuzione del cortisolo - uno degli ormoni dello stress - in circolo nel corpo. Infatti mentre facciamo sport aumenta la produzione delle endorfine, le molecole regolatrici dell’umore. Maggiori endorfine in circolo contribuiscono a combattere lo stress e l’ansia, anche quella scolastica.

Perciò, se sei nervoso per il compito in classe di chimica, o stressato per un’interrogazione che non è andata come speravi, evita di trascorrere una giornata seduto alla scrivania davanti al libro. Muoviti e vedrai che il tuo umore migliorerà: che sia una semplice camminata veloce con gli amici, o una partita di calcetto o due tiri a canestro, va bene tutto! Ritornerai a studiare con più concentrazione e tranquillità.

2. Efficaci nel problem-solving

Secondo uno studio inglese delle Universities of Strathclyde and Dundee, molte funzionalità del cervello si attivano quando fai attività fisica. Ad esempio, mentre impari le tecniche a mettere al tappeto un avversario di Judo o giochi una partita di pallavolo, stai sviluppando capacità di analisi e di problem-solving. Queste capacità acquisite con lo sport si trasferiscono anche nello studio. Perciò mentre ti diverti con lo sport, migliori anche quelle abilità che ti serviranno per risolvere problemi di matematica!

3. Memoria fulminea

Uno studio dell’Università dell’Illinois ha rilevato che la zona cerebrale dell’ippocampo è più estesa nei bambini e ragazzi sportivi rispetto ai sedentari. Questa zona è coinvolta in molti processi di memorizzazione: le connessioni neuronali sono responsabili della qualità, precisione e velocità della memoria. Perciò la difficoltà nel memorizzare capitoli di libri potrebbe dipendere non solo dalle tecniche di mind-map utilizzate, ma anche da quanta attività fisica fai.

4. Migliori capacità relazionali

Fare sport è spesso un’attività sociale: in allenamento o in gara ti trovi a giocare con - o contro - altri atleti. Uno sportivo impara a cooperare con i compagni e a confrontarsi correttamente con gli avversari: Perciò fare sport aiuta a sviluppare capacità interpersonali e ad avere coscienza di sé e degli altri. In particolare gli sport di squadra, come il calcio o la pallanuoto, migliorano le capacità di comunicazione e di lavoro in team. Queste capacità sono utili a scuola per lavorare con i tuoi compagni di classe su progetti di gruppo.

Se preferisci gli sport individuali, pensa che riuscire a raggiungere un obiettivo sportivo aumenta l’autostima e fa crescere la fiducia in te stesso: anche nelle tue capacità di affrontare e superare le difficoltà scolastiche!

5. Più grinta

Inutile negarlo: se corri per 10 km o ti alleni in piscina per un’ora intera, sei uno grintoso. Secondo alcune ricerche, gli studenti sportivi sono più determinati, responsabili e con maggiore senso di autodisciplina in classe rispetto ai sedentari. Dopotutto i giovani atleti sono abituati ad allenarsi anche duramente per raggiungere i risultati desiderati nella loro disciplina sportiva.

Conciliare lo studio e lo sport al Centro Studi Manzoni.

Nonostante gli indiscussi benefici, lo sport viene spesso visto come una "distrazione" dall’impegno scolastico. Lo testimonia anche Valentina Vezzali - pluricampionessa olimpica nella scherma: «La mia maestra sosteneva che lo sport facesse male perché toglieva tempo allo studio….Ho superato quell'esperienza negativa impegnandomi ancor di più sia nello studio e sia nella scherma, ottimizzando il tempo a disposizione. All'esame di maturità ottenni il massimo dei voti e il commissario esterno mi disse: "Complimenti Vezzali, ha vinto anche qui". Fu una grande soddisfazione».

Al Centro Studi Manzoni crediamo invece nella possibilità di conciliare positivamente studio e sport agonistico (anche ad alto livello). Grazie a piani di studio personalizzati, scegliendo le materie più interessanti per i tuoi obiettivi scolastici e sportivi, concordando con i docenti gli orari. Così potrai frequentare il 100% delle lezioni, senza sacrificare gli allenamenti.

 


Fonti

www.repubblica.it/sport/running/storie/2017/03/06/news/lo_sballo_del_corridore_ecco_cosa_c_e_dietro_al_fenomeno_delle_maratone-159912709/
www.corriere.it/salute/11_settembre_04/studio-sport-rendomento_03d218c4-d6d0-11e0-8117-f5a7da88e267.shtml
www.theguardian.com/teacher-network/2015/sep/03/fit-for-learning-what-research-says-about-the-benefits-of-sport
www.pianetabasket.com/il-caso/valentina-vezzali-le-scuole-boicottano-gli-studenti-che-fanno-sport-158824